15 dicembre 2014

Viaggi Marocco | Il Fascino della perla del Sud

Si dice che almeno una volta nella vita tutti dovrebbero andare in Marocco, per farsi travolgere dal mistero e dai colori delle quattro città imperiali, dalla maestosità delle dune Sahara e dai villaggi forticati in mezza al deserto, celebri in tutto al mondo grazie ad Holliwood...


La capitale ambrata: Rabat

Capitale del Marocco, Rabat è considerata il simbolo dell'immortalità del paese.
Abbracciata da chilometri di mura color ambra e profumata da ibiscus rosa e arancioni, la città - elegante e raffinata - mescola storia e modernità. La genesi del nome è legata alla costruzione nel 1150 da parte del sultano Abd al - Mumin della fortezza sulla sommità della scogliera che si affaccia sull'Oceano Atlantico, una moschea e residenza che in arabo si definisce ribat.

  


Sede del Palazzo Reale di Sua Maestà Hassan II che al suo interno ospita il Governo del Marocco, Rabat possiede anche la più grande università del paese e pullula di negozi, cinema, teatri e librerie. Cercate di essere a Rabat di giovedì e inoltratevi nella Rue des Consuls dove si svolge la caratteristica e folcloristica asta dei tappeti e dove si possono acquistare splendidi oggetti d'artigianato locale. Mettete poi in agenda una visita al Caffè Maure, un delizioso locale all'interno di una kashba, per sorseggiare tra le panche e i tavoli blu affacciati sul mare il tipico tè alla menta e i dolci caratteristici marocchini a base di miele e mandorle.

La capitale intellettuale: Fès

Sono 202 i chilometri che dividono Rabat da Fès, la capitale intellettuale e artigianale del Marocco. Considerata la perla del mondo arabo, la città è un'importante meta turistica d'eccezione oltre che centro spirituale e culturale del paese e si divide in Fès el Jédid (la parte nuova) e Fès al Bali (la parte antica), che a sua volta è divisa in tre aree: la vecchia e la nuova Medina e la Ville Nouvelle, costruita dai francesi e caratterizzata da grandi viali e piazze. 


Nella vecchia Medina il fascino del passato è ancora molto vivo ed è facile vedere i bambini che si recano alla fontana a prendere l'acqua o le donne che fanno il pane in casa e s'improvvisano venditrici per strada. Nei souk sentirete fortissimo il profumo di legno di cedro e troverete di tutto, dagli animali vivi ai fiori.

La capitale imperiale: Meknès

A 70 chilometri da Fès, situata su un altopiano e bagnata dal fiume Oued Bouferkrane sorge Meknès. Grazie al sultano Moulay Ismail la città è oggi la più bella capitale imperiale: moschee, palazzi, giardini, scuderie e vasche le danno un fascino intramontabile. Di particolare interesse è la città vecchia per i resti della Città Imperiale, alla quale si accede attraverso la porta Bab Mansour. 



Definita come la Versailles del Marocco, Meknès è silenziosa e tranquilla e si può visitare in soli due giorni. Perdetevi nella Medina tra bazar e souk suddivisi a seconda dei prodotti venduti: souk dei tappeti, souk dei tessuti e souk dei falegnami.
Partite poi verso la valle che circonda la città immersa nei campi di grano e cereali e preparatevi a un viaggio di oltre 400 chilometri fino alla città rosa: Marrakech.

La capitale del caos: Marrakech



Di cose imperdibili da vedere e vivere a Marrakech ce ne sono parecchie. Sicuramente rimarrete colpiti dalle case che popolano la città: tutte rosa e mai più alte di cinque piani, perché l'edificio più imponente deve rimanere il minareto della moschea Koutoubia, così da essere il solo punto di riferimento anche dal lontano deserto. Godetevi il tramonto sull'Atlante dalla terrazza di uno dei tanti caffè affacciati sulla piazza Djemaa el-Fna, la principale della Medina, centro nevralgico di tutta Marrakech. A travolgervi sarà il caos dei venditori ambulanti che tenteranno di convincervi a comprare prodotti di vario genere, stoffe, tappeti e oggetti di artigianato. Ad incantarvi ci penseranno pittoreschi personaggi come i decoratori con l’henné, gli incantatori di serpenti, i suonatori e cantastorie. Inoltratevi e perdetevi nei souk, i mercati coperti che si svolgono nelle viuzze e piazzette, in ognuna delle quali si trovano venditori di pelli, lana, gioielli, tintori, spezie e tantissimi altri prodotti.

Il deserto del Sahara



Il Sahara è un luogo di miti e leggende, ma anche di incantevoli realtà. Il suo silenzio, le dune di sabbia che cambiano colore al variare della luce e che ti fanno sentire piccolo e insignificante dinanzi alla loro maestosa grandezza.

Vedere le proprie ombre allungarsi sulla sabbia; ammirare il tramonto dalla cima di una duna, per vederla tingersi di rosso poco prima che cali il crepuscolo. Sono sensazioni indescrivibili; ed è in quei momenti che si comprende a pieno lo spirito di un'avventura nel deserto.

Le Kasbah



Nel Grande Sud, Ouarzazate costituisce uno dei punti di partenza privilegiati per andare alla scoperta delle kasbah. Queste cittadelle costruite in argilla compattata (terra cruda), semplici e al tempo stesso decorate con motivi geometrici rappresentativi della cultura berbera.


... il Natale e Capodanno di African Explorer



- Meglio del Marocco (città imperiali e deserto), Tour di 11 Giorni con Partenza il 23 Dicembre da 1.560 Euro. Vedi dettagli itinerario...