04 febbraio 2016

Viaggi Uganda | Trekking: l'incontro con gli ultimi Gorilla di Montagna

Un'esperienza emozionante che da sola vale un viaggio.  Resterà per sempre nella mente come uno dei ricordi più belli...

Guarda il video su Facebook -qui-


Silverback by Cristoffer Crusell

"Lo tiene stretto al petto. Lo accarezza sulla testa, lo sguardo fisso negli occhi socchiusi
del suo piccolo di tre mesi che ora si addormenta. Il fratellino, quattro anni circa, gioca poco in più in là. Stacca rami, si dondola sulle liane, corre, salta, si rotola nell’erba. Intanto il papà, a pochi metri di distanza, si gode l’ombra appoggiato a un grosso tronco e vigila sulla sua famiglia.  Guardandoli sembra di essere tornati a qualcosa che si è perso da tempo e che qui, in questa folta foresta, lontano da tutto quello che conosciamo, lontano da tutto quello che ci è stato insegnato, improvvisamente ritorna alla mente. E allora anche la macchina foto grafica è un di più. La posi. E li guardi. Ti perdi in quegli occhi scuri che ti fissano attenti. Ti perdi in questo luogo primordiale che ti regala un’emozione profonda, seppellita da millenni nell’inconscio e che ora riaffiora. Non serve fare fotografie. Questa immagine, questi istanti restano dentro. Quegli occhi, quei gesti, così simili a quelli umani, faranno parte dei ricordi indelebili della vita." from Lifegate

L’incontro con i gorilla di montagna vale da solo un viaggio in Uganda. Per anni è stato possibile raggiungere i primati solo dal Bwindi National Park, dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, e noto un tempo come “Foresta impenetrabile”. E' una delle foreste africane con la maggiore diversità biologica, oltre ai circa 320 gorilla, la metà dell’intera popolazione mondiale.

Per raggiungere i gorilla occorre avventurarsi in questo mare verde e sperare nella fortuna. L’incontro è pressoché garantito, ma non è possibile preventivare la durata della camminata.

Il trekking è impegnativo ma l’intensità del momento che si sta per vivere fa superare qualsiasi difficoltà. Il tempo di permanenza tra i gorilla è di un’ora e sarà una delle più incredibili della vostra vita.


Silverback and Family by Cristoffer Crusell

Non solo Gorilla: da non perdere



Park Road by Rod Waddington

C’è un altro luogo di grande interesse naturalistico: il Murchison Falls National Park, che è anche il più esteso del Paese (3840 Kmq). Qui il Nilo Vittoria dà origine alle grandi e spettacolari Cascate Murchison.

Water safari Murchinson Falls by Mirko Eggert

Visitare il Lake Bunyonyi Fa parte di una zona ricca di lagune che danno vita a un paesaggio incredibile.



Importante: per visitare l’Uganda occorrono il passaporto, il visto e il vaccino contro la febbre gialla che dal 2016 è diventata obbligatoria. Essendo a cavallo dell’Equatore il clima non varia molto durante l’anno ed è sempre gradevole. La stagione secca, il periodo migliore per visitare il Paese, corrisponde al nostro inverno e estate.